Voi siete qua: l'Associazione » attività » acqua bene primario

Coordinamento Imperiese per l'acqua pubblica CIMAP

Tra la fine del 2008 e i primi giorni del 2009, l'Associazione Praugrande ha aderito al neonato Coordinamento Imperiese per l'Acqua Pubblica con lo scopo primario di promuovere la conoscenza delle caratteristiche dell'acqua del rubinetto fra i cittadini, di azzerare la follia del consumo di acqua minerale in bottiglia di plastica e la conseguente produzione di enormi quantità di rifiuti.

Ci impegnamo a realizzare al più presto iniziative di informazione in questa direzione.

Condividiamo pienamente la necessità di contrastare la cessione della gestione dei piccoli acquedotti alle grandi multinazionali dell'acqua e dei servizi che, come risulta ormai da molte esperienze, favorisce il degrado della rete idrica e l'aumento incontrollato dei costi per il cittadino.

Vi invitiamo a leggere il testo del comunicato stampa a firma di Francesca Antonelli (7 gennaio 2009).

L' articolo 23 bis della Legge 133/2008, concludendo un percorso legislativo iniziato nel 1994, san­cisce la privatizzazione dei servizi idrici locali e la trasformazione dell'acqua da diritto inalienabile e bene necessario alla sopravvivenza dell'uomo, in una merce, soggetta alle logiche del mercato e del profitto.
Accomunati dall'intento di agire concretamente sul territorio per contrastare la mercificazione dell'acqua, su iniziativa dell'associazione Sanremo Sostenibile, si sono riuniti nei giorni scorsi cittadini e rappresentanti di:

Associazione Praugrande
Centro Peppino Impastato
Rete Turismo Responsabile Ponente
Associazione Sanremo sostenibile
Comitato Territoriale Savonese per il Contratto Mondiale sull'Acqua

Il tema dell'acqua e della sua gestione non può e non deve essere ridotto alla tradizionale logica degli schieramenti politici e pertanto il Coordinamento ritiene doveroso sottolineare la sua estraneità a qualsiasi gruppo politico e la sua apartiticità. In forza di questa autonomia, il C.im.A.P. è aperto al dialogo con tutti i rappresentanti delle forze politiche che intendano seriamente affrontare la questione ed invita i privati cittadini, le associazioni, i comitati, le Amministrazioni Locali, che condividano gli obiettivi sopraenunciati, a contattarci per partecipare e collaborare alle attività del gruppo.